WAZZAP ?! ANTHONY MOMAN

ANTHONY MOMAN
WAZZAP

Futura Art Gallery
Pietrasanta, Via Garibaldi, 10
11 agosto – 31 settembre
a cura di Futura Art Gallery

Saranno le emoticons le protagoniste di WAZZAP?! la mostra personale di Anthony Moman, che inaugura sabato 11 agosto, presso Futura Art Gallery. Il termine coniato nel 1988, deriva da «emotion » e «icon», e si traduce in icona delle emozioni, emozioni che prendono vita nelle stravaganti opere realizzate dall’artista britannico, attraverso un medium più che insolito: le siringhe. La mostra sarà visibile a Pietrasanta, in Via Garibaldi 10, fino al 15 settembre.

Moman da sempre si appropria di materiali industriali non convenzionali, impopolari e li trasforma in seducenti oggetti del desiderio, trasmettendo messaggi sottili, ironici e “pungenti”. Nelle sculture, le singole siringhe si metamorfizzano in altra forma creando un’interferenza strutturale. Una sinergia come “creazione di un insieme che è molto di più della semplice somma delle parti, deriva dalla parola greca synergos, che significa cooperare e lavorare insieme”. Da questo concetto prendono forma le faccine, utilizzate ogni giorno e sdoganate grazie all’uso delle nuove frontiere della comunicazione, esse sono il modo più utilizzato oggi per esprimere emozioni e stati d’animo. Con buona probabilità potremmo dire che tutti noi oggi abbiamo utilizzato un’emoticon, così come almeno una volta nella vita abbiamo avuto a che fare con una siringa.

L’artista, nato a Londra nel 1966, formatosi in arte e design, si distingue per uno stile che incorpora le osservazioni ironiche della società contemporanea. Le sue sculture fatte di siringhe, provocano reazioni miste: disagio e pensieri comunemente associati all’uso delle droghe, all’HIV, evocano la chirurgia estetica e con essa il costante desiderio di ottenere, attraverso continui ritocchi, l’aspetto perfetto; e ancora vaccinazioni infantili, visite dal dentista, trattamenti salva vita per il diabete, procreazione assistita, oscillando costantemente tra pensieri negativi e positivi, quasi a ricordarci come la nostra sopravvivenza si trovi, molto spesso, a dover dipendere da una siringa.

Siringhe che meritano il giusto rispetto da parte della storia dell’umanità, siringhe che Anthony Moman cerca di sacralizzare nelle sue opere, trasfigurandole per riscattarle dall’anonimato cui sono state rilegate. Artista di cui sentirete molto parlare, alcuni dei suoi lavori più recenti, sono stati esposti al Deus Ex Macchina Milano, Temporanea per Milano Design Week presentata da Futura Gallery e nella stessa galleria a Pietrasanta, durante la Collettiva “Pi Greco”; al Palazzo Ducale di Lucca con ‘Andare Oltre Si Puo’ durante la mostra collettiva di beneficenza a favore di Downs Sindrome dei bambini.

solo show wazzap anthony moman
Coming Soon Solo Show Anthony Moman WAZZAP ?!
Advertisements

Bear Necessities Sculpture by Anthony Moman in Milan during Design Week

bear necessities syringe sculpture by anthony moman
Bear Necessities Syringes on marine board in plexiglas box 110 x 90 cm

 

It was a real challenge to create a cuddly figure out of a divisive but highly symbolic medical instrument.                                                                                                                     
 The syringes used to create these sculptures provoke mixed reactions – for some there is a slightly awkward feeling that they are just a little bit inappropriate.
There are unwelcome thoughts about drug abuse and HIV from sharing needles. For others there is the lure of cosmetic surgery and the desire to achieve the perfect look whilst others fantasise about elaborate tattoos. Some think of childhood vaccinations, dentist injections, life saving treatment for diabetes, procreation via IVF and many more life saving medical treatments.
The issue of childhood vaccinations is so polemical especially when a political party seeking to win the Italian elections attacks it. My own Uncle survived an attack of polio as a child but was left without the use of his legs, limited hearing and loss of speech. He was nevertheless a great personality and much loved. This is for you, Zio Federico